Cilento Notizie - Cronache Cilento
logo
Cilento Acciaroli Agropoli Casal Velino Castellabate Capaccio Marina di Camerota Palinuro Pollica Sapri Vallo di Diano Vallo della Lucania Salerno
Ambiente Attualità Avvisi Cultura Cronaca Dal comune Concorsi Economia Salute Spettacoli-Eventi Sport Politica Tecnologia Lavoro

Area Archeologica di Velia: tavolo tecnico tra Sindaci del Cilento, Parco e Soprintendenza

18122016 area archeologica di velia
Credits Foto
Pubblicato il 18/12/2016
Comunicato Stampa

Continua l’impegno e le attività previste nel Protocollo d’Intesa, siglato lo scorso anno tra il comune di Ascea, il Segretariato Regionale del MiBACT, la Soprintendenza Archeologica, il Parco Nazionale del Cilento-Vallo di Diano e Alburni, la Comunità Montana “Bussento-Lambro e Mingardo” e ben altri 12 comuni, per la Promozione del Grande Attrattore Elea-Velia e per la valorizzazione integrata delle risorse territoriali.

Presso Palazzo De Dominicis-Ricci di Ascea, convocato dal sindaco di Ascea Pietro D’Angiolillo si è svolto il Tavolo Tecnico di Coordinamento, composto da tutti gli aderenti al Protocollo d’Intesa, per definire le azioni da mettere in campo per il 2017- 18 al fine di incrementare i flussi turistici e le presenze, nelle varie stagioni, su tutta l'area.

Dopo il boom di visitatori del Parco Archeologico di Elea-Velia (il 2016 ha avuto circa il 40% di presenze in più rispetto al 2015), il sindaco di Ascea rilancia ed afferma: “E’ necessario definire le azioni e le strategie per realizzare reti territoriali integrate che mettano in connessione il Grande Attrattore Elea-Velia con le altre emergenze di interesse storico/culturale/archeologico/artistico e ambientale presenti nei territori di tutti gli Enti aderenti al Protocollo d’Intesa. Ascea si propone come vetrina del territorio, ospitando presso il Palazzo De Dominicis-Ricci una mostra permanente dei reperti di Elea-Velia e promuovendo attività legate a tematismi che connotino e identifichino il territorio di riferimento, capaci di raccontare tutta l’area del Parco”.

“La mostra -prosegue il sindaco Pietro D’Angiolillo- è il primo elemento di una strategia più ampia che punta a creare un circuito di collaborazione tra i diversi Comuni, ognuno dei quali trova il suo spazio ed i propri luoghi di identità per promuovere il proprio patrimonio. Il fine è di favorire la distribuzione dei flussi di visitatori su aree più ampie, di ampliare l’offerta turistica e di legarla anche ai prodotti enogastronomici e dell’artigianato locale, permettendo agli operatori turistici di predisporre pacchetti di visite che tengano conto di un territorio vasto e straordinario per la scoperta dei tesori del Cilento”.

PUBBLICITA'

Seguici
Si raccomanda di rispettare la netiquette.
 
Selezione Video smartphone