Cilento Notizie - Cronache Cilento
logo
Cilento Acciaroli Agropoli Casal Velino Castellabate Capaccio Marina di Camerota Palinuro Pollica Sapri Vallo di Diano Vallo della Lucania Salerno
Ambiente Attualità Avvisi Cultura Cronaca Dal comune Concorsi Economia Salute Spettacoli-Eventi Sport Politica Tecnologia Lavoro

Intervista (immaginaria) alla Serva di Dio Madre Leonia Milito

14022017 madre leonia e tonino luppino
Credits Foto
Pubblicato il 14/02/2017
foto autoredi | Blog

La nipote Mariuccia, figlia di suo fratello Silvio, mi aveva parlato, alcuni anni or sono, di questa sua zia suora, che, in Brasile, aveva fondato, nel 1958, la Congregazione delle Missionarie di Sant’Antonio Maria Claret, della quale è Superiora generale.

Mi diceva Mariuccia che tutto il lavoro della zia era stato indirizzato alle persone bisognose, con le quali aveva condiviso, e condivide, gioie, dolori e speranze!

Ebbene, l’occasione per intervistarla, attraverso i microfoni di radio Sapri, me l’ha offerto questo suo viaggio in Italia, e, quindi, a Sapri, per salutare parenti ed amici.

Debbo ammettere che ho dovuto insistere molto prima di ottenere la risposta affermativa di Madre Leonia; ma , alla fine, mi ha concesso l’intervista, dicendomi che l’avevano convinta il mio “solare sorriso” e le mie “doti di buon cronista e divulger”! Ed io le ho risposto: ”Un cronista, fiero di far conoscere ai sapresi (Madre Leonia è nata a Sapri nel 1913) e ai concittadini del Golfo di Policastro quanto aveva fatto, in Brasile e nel mondo, una concittadina che aveva lasciato Sapri tanti anni or sono, per abbracciare tutti i bisognosi e tutte le sofferenze del mondo!”.

L’appuntamento negli studi di radio Sapri è di mattina, alle ore 10.30, in una splendida giornata primaverile, che mette ancor più in evidenza le bellezze paesaggistiche della nostra incantevole cittadina. Madre Leonia, accompagnata dai nipoti Mariuccia e Pasquale, arriva puntuale nei nostri studi di Via San Marco.

La faccio accomodare in redazione e le dico subito che sarà una piacevole conversazione.

Mentre le porgo la cuffia, vuole che le parli della radio. Le dico: ”Madre Leonia, è entrata nel cuore di tutti, anche perchè facciamo tanto servizio sociale!”. Mi stringe le mani, sorridendomi, ed iniziamo a parlare.

Chiedo subito lumi sulla sua Congregazione. “Essere missionari- mi dice con dolcezza- vuol dire avere il cuore grande come il mondo! Nell’Anno Santo 1950, dopo aver vissuto in Italia un periodo di intense realizzazioni, sono andata in Brasile per aprire nuove comunità e rendere più solida la missione. Nel 1958, con l’Arcivescovo di Londrina, Monsignor Geraldo Fernandes, ho fondato la Congregazione delle Missionarie di Sant’Antonio Maria Claret”. Perché il Patrono è Sant’Antonio Maria Claret? ”E’ il grande missionario, Arcivescovo di Santiago di Cuba, osserva Madre Leonia, mentre le si illumina il viso, sempre sorridente! “Ho conosciuto il fondatore dei Missionari figli del Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria e delle Religiose di Maria Immacolata, Canonizzato il 7 maggio 1950, grazie a Monsignor Fernandes!”. Pensi, Madre Leonia: quattro giorni dopo sono venuto al mondo io! Mi sorride , contenta! Certo che per realizzare tutto quel che ha fatto, chissà quanto lavoro ha prodotto? “Caro Tonino, non mi sono mai lasciata vincere dalle difficoltà e dalla sfiducia!”.”Le mie giornate non sono facili, sono piene, dure, irte di spine, ma sono dolci perché Gesù è con me. Lui mi sorregge e mi dà la forza necessaria per continuare la mia missione!”. Parliamo della pace? ”Carissimo, la pace bisogna anzitutto averla nel cuore!Prima la pace con Dio…poi avremo la pace con noi. E occorre cercarla, costruirla, viverla, amarla e generarla!”.

Il Suo messaggio ai giovani? “Ai giovani in ascolto, dico di non lasciarsi prendere dallo scoramento e dal pessimismo!Li invito ad essere umili, coraggiosi e pazienti! Ai giovani, voglio, infine, dire che Dio ci ama malgrado noi! E’ la Sua forza che sorregge la nostra debolezza!”.

Prima di salutarla, le chiedo di pregare per tutti Noi! ”E Voi- risponde, accarezzandomi il viso- pregate per me!”.

Sono convinto, amici ascoltatori, che Madre Leonia abbia vissuto in pienezza la sua consacrazione, la sua maternità spirituale, senza aver mai dato segni di stanchezza e ascoltando tutti con bontà e amore senza limiti!

Ed io, come suo concittadino, sono fiero d’averla intervistata, d’aver intervistato una Santa in vita, una suora che ha vissuto la sua vita per gli altri, che ha scelto la missione di Gesù, primo ed eterno Missionario e Redentore, sostenuta, difesa ed incoraggiata dal Cuore Eucaristico di Gesù e dal Cuore Immacolato e Materno di Maria! (Tonino Luppino, direttore di Radio Sapri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BLOG di Tonino Luppino - La pagina corrente è autogestita

Seguici
Si raccomanda di rispettare la netiquette.
 
Selezione Video smartphone