Cilento Notizie - Cronache Cilento
logo
Cilento Acciaroli Agropoli Casal Velino Castellabate Capaccio Marina di Camerota Palinuro Pollica Sapri Vallo di Diano Vallo della Lucania Salerno
Ambiente Attualità Avvisi Cultura Cronaca Dal comune Concorsi Economia Salute Spettacoli-Eventi Sport Politica Tecnologia Lavoro

UN VOLO DI FARFALLE STRONCATO DALLA PARTITA DEL NAPOLI

AGROPOLI: IL CENTRO SOCIALE ANTELMO SI SVUOTA ALLA PROGRAMMATA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI LIMONGELLI

29112016 volo farfalle
Credits Foto
Pubblicato il 29/11/2016
foto autoredi | Blog

Agropoli lunedì 28 Novembre ore 19, la Sala del Centro Sociale Antelmo è allestita, evidente una bella creazione della presente Responsabile alla Cultura, Marilena Tiso, fiori con farfalle posate, , incastrati in un libro ritagliato, in tema con il titolo del testo da presentare “I miei pensieri come un volo di farfalle”!

Quasi un prevalere della Natura sulla conoscenza tramite i libri, e, contemporaneamente, un inserimento di essa tra le parole scritte, è un incastro esteticamente affascinante, una idea brillante e significativa!

Pronta la grande torta da offrire, il video da proiettare, presenti anche l’autrice e la relatrice Maria Rosaria Verrone. I testi con la bella copertina disegnata dalla Verrone, con un originale intervento di una farfalla tridimensionale, fanno bella mostra sul tavolo dei relatori contornati dalle locandine.

Il fotografo Lo Chiatto pronto con la sua macchina fotografica al collo.

La Sala però si svuota, i soci tutti fuggono per raggiungere un televisore dove seguire la partita Napoli_Sassuolo.

Giunta come pubblico invitato e richiesto, mi trovo sconcertata in una situazione strana, poco piacevole per l’autrice, imbarazzante. In pochi minuti il tavolo è “sparecchiato”, i fiori ed i libri scomparsi, la torta riportata in auto!!

Decidono di rinviare il tutto!!!

Giunge l’Assessore delegato alla Cultura Francesco Crispino con il suo abituale, contagioso sorriso!!!

Purtroppo forse prima di organizzare una Manifestazione necessita osservare il calendario calcistico, inutile sperare di avere la priorità pur se il pubblico dovrebbe essere formato da amici ospitanti compiacenti.

La voglia di ascoltare e di pensare è molta poca!!

Tornata a casa leggo il libro “mal trattato” avuto in dono da Maria Luisa Limongelli e tante considerazioni si alternano nella mia mente.

Scrivere è sempre un rivelarsi, una necessità di comunicare, ed in alcuni casi, come questo, diviene commovente. Gli stadi della vita non sono sempre definiti dalla età, quella fanciullezza negata all’autrice, vissuta in collegio dai tre anni ai sedici, esplode ora, superata, almeno in gran parte, l’angoscia vissuta.

Narra a sè stessa filastrocche, si coccola, lenisce le profonde ferite di una infanzia solitaria, mamma a sè stessa, tesa nel rinascere finalmente in un calore mancato, cercato ed infine costruito.

Anche inconsapevolmente, è esaltato il sogno, che riesce a dare luce ad una vita buia. Quel nonno mai conosciuto diviene presente come reale in episodi che, drammaticamente, rivelano esigenze insopprimibili!

Il nonno, morto precedentemente alla sua nascita, può divenire sogno, la mamma ed il padre sono assenti anche nel sogno!!!!

Nel retrocopertina, osservo la umanizzata farfalla tracciata da Maria Rosaria Verrone, quasi in una inconscia intuizione, che si avvicina al gran fiore per trovare, come l’autrice, quell’indispensabile nettare, quella dolcezza agognata e mancata!!

Termino emozionata di leggere queste rivelazioni di una vita che vanno al di là di ogni considerazione letteraria e mi ritrovo in ultimo in una foto colorata di gruppo in occasione di un Evento Artistico Culturale,……….Maria Luisa anche io sono entrata, pur se in punta di piedi, nella tua complessa vita,……….. ma ora a colori!!!

PUBBLICITA'

foto 1

foto Marisa Russo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BLOG di Marisa Russo - La pagina corrente è autogestita

Tags: ,
Seguici
Si raccomanda di rispettare la netiquette.
 
Selezione Video smartphone infocilento