CilentoNotizie.it - Foto della news
logo
Cilento Acciaroli Agropoli Casal Velino Castellabate Capaccio Marina di Camerota Palinuro Pollica Sapri Vallo di Diano Vallo della Lucania Salerno
Ambiente Attualità Avvisi Cultura Cronaca Dai comuni Concorsi Economia Salute Spettacoli-Eventi Sport Politica Tecnologia Lavoro

CASTELLABATE RICEVE IL PRIMO DIPINTO SULLA LEGGENDA DI SAN COSTABILE

L’OPERA REALIZZATA DA ELENA VILKOV E’ STATA DONATA DALL’EMIGRATO ALFREDO DURAZZO

13092018 donazione quadro comune
Credits Foto
Pubblicato il 13/09/2018
foto autoredi | Blog

L’opera “La Leggenda di San Costabile” è stata esposta nella Basilica Pontificia nel Centro Storico e poi nella Chiesa S.Maria a Mare a S.Maria di Castellabate, per le Mostre di carattere religioso ideate e dirette dalla sottoscritta Marisa Russo con il titolo “Messaggi Simbolici di Icone Religiose”, e nella Casa Santa Scolastica in occasione della Presentazione del mio omonimo testo, Edizioni Sant’Antonio, in cui è stata pubblicata.

La bravura Artistica della pittrice Elena Vilkov, di origine russa sposata Giannella ed integrata in questo paese, ha colpito il sensibile Alfredo Durazzo che, con quell’amore per il suo paese di origine che resta intenso nell’emigrato pur trovando fortuna e successo in Brasile, ha voluto comprare tale dipinto e donarlo al Comune. Sarà esposto nel nuovo Municipio per proteggerlo e richiamare al valore di tale luogo.

Nel giorno della sua inaugurazione sarà presentato all’intera popolazione.

Questa opera, captando facilmente l’attenzione per il suo ottimo figurativo, ha un tratto morbido, che rivela una dote innata dell’autrice affinata nello studio della tecnica, in un equilibrio cromatico, che non cade nell’errore di voler attirare con la violenza dei colori, riesce anche ad esaltare a tratti l’oscuro, quasi a comunicare l’occulto mistero della vita e dell’oltre.

Di m.2 x m.1,50 ricorda la leggenda del Santo Patrono Costabile Gentilcore che, per salvare il paese dai saraceni che giungevano dal mare, ebbe la geniale idea di mettere fiaccole al collo di capre e pecore, cosi che gli invasori, credendo in una moltitudine di gente pronta ad assalirli, fuggirono ed il paese fu salvo!

Il dipinto comunica ancor di più dell’evento narrato! Evidenzia, nel risalto dell’antico Castello accanto cui è l’Abate, l’origine del nome del paese, che sovrasta sul panorama marino ed esalta il suo equilibrio vitale tra persone, animali e vegetazione. Nelle mani del Santo è anche evidenziato il Giglio di mare, Pancratium Maritimum, fiore che cresce tra la sabbia ora protetto perchè dichiarato in via di estinzione, che il Santo raccoglieva per donarli alla Madonna.

“Dolcemente” accolti dalla sorridente segretaria Maria Comunale, abbiamo vissuto il momento emozionante della consegna al Sindaco Costabile Spinelli, un raro momento creato dalla generosità del donatore di puri, profondi sentimenti per l’Arte, l’Amore al paese, il Sacro.

Presente il responsabile dell’Ufficio Cultura e Turismo Enrico Nicoletta, che, come Comitato San Costabile, intende organizzare un momento di richiamo a tale iniziativa anche nella Basilica Pontificia.

Foto del bravo artista fotografo Marco Coppola. Riprese video di Germana Derì.

quadro donato al Comune di Castellabate

Libro di Marisa Russo - Messaggi simbolici in icone religiose. Cliccare sul link per maggiori informazioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BLOG di Marisa Russo - La pagina corrente è autogestita

 
Campagna impianti termini Caldaie
Selezione Video
Si raccomanda di rispettare la netiquette.